Thermobot

Sistema robotico autonomo per il rilevamento di cricche mediante termografia
Le prove non distruttive sui componenti costituiscono uno dei passi più importanti a supporto del processo, non solamente nella fase finale della produzione ma anche durante la regolare manutenzione. Attualmente, per rilevare una crepa, si fa uso della magnetoscopia (MPI – Magnetic Particle Inspection), tecnica ormai vecchia di decenni, inefficiente e inquinante. Vi è per l’industria un bisogno urgente di sostituire questa tecnologia con nuovi metodi in grado di fornire test totalmente automatici.

thermobot

Obbiettivi del progetto

  • ottenere un modello termografico parametrico completo del processo per il rilevamento automatico di cricche in parti di geometria complessa, con superfici varie e materiali diversi
  • ottenere un modulo di motion planning che utilizza il modello termografico per generare automaticamente il percorso che deve eseguire il robot a partire dai dati del CAD 3D
  • ottenere metodi di analisi delle immagini termografiche che non puntano solamente al rilevamento di crepe per arrivare alla decisione di pezzo conforme o non conforme, ma che hanno anche la capacità di auto-valutare le performance del’analisi stessa.

 

Applicazioni

Le possibili applicazioni includono il controllo di parti metalliche e composite nell’industria automobilistica e aeronautica sia al termine del processo di produzione sia durante le fasi di manutenzione, specialmente nel settore aeronautico, dove la magnetoscopia è spesso un requisito. Stime di mercato mostrano un potenziale di più di 1000 sistemi di questo tipo nei 5-7 anni seguenti la fine del progetto. A scapito di un investimento iniziale abbastanza consistente (paragonato a quello della magnetoscopia), il sistema di controllo robotico potrà far risparmiare più di 400 mila euro dopo 5 anni di utilizzo, contribuendo in questo modo ad un sostanziale incremento dell’efficienza delle operazioni di controllo qualità. In più, si riusciranno ad evitare tutte le attuali sospensioni di particelle magnetiche e sostanze anti corrosione, dannose per l’ambiente.

 

Partner

Il consorzio consiste in aziende in grado di fornire tecnologia ed esperienza nel campo della robotica, del controllo industriale e della termografia e utenti finali attivi nei settori delle parti metalliche e composite dell’industria automobilistica e aeronautica. Le piccole e medie imprese ricoprono un ruolo fondamentale nel progetto e contribuiscono al 60% dell’impegno totale.

 
Il progetto è finanziato della Commissione Europea nell’ambito del 7° Programma Quadro nel settore ICT (Grant No. 284607).
Durata del progetto: Gennaio 2012 – Dicembre 2014

 
Sito ufficiale: Thermobot.eu